image

Processo di svuotamento nel nostro compattatore

Durante la procedura di scarico, i contenitori di sicurezza da voi riempiti vengono svuotati “in loco”, rispettando i più severi requisiti di sicurezza, in uno dei nostri veicoli appositamente attrezzati. Questi veicoli soddisfano tutti gli standard di sicurezza più diffusi, nonché le precauzioni per l'apertura non autorizzata dei contenitori di sicurezza (dispositivo di chiusura elettronico anti-scasso), i contenitori vengono sbloccati e svuotati elettronicamente in un ambiente chiuso nel retro del veicolo. I documenti sono pressati nella camera di pressatura e non è possibile accedere ai documenti. I documenti sono assolutamente inaccessibili e al sicuro durante tutto il trasporto. Per svuotare il veicolo, occorre sollevare la parte posteriore del veicolo con un telecomando codificato (che resta sempre in funzione) e i documenti da proteggere sono successivamente scaricati in un'area altamente sicura dell'impianto di distruzione documenti.

Distruzione

Durante la procedura di scarico, il camion compattatore svuota il contenuto direttamente nell'area di triturazione/sicurezza del vano di scarico interrato davanti al distruggidocumenti. L'area di triturazione e il cassone sono costantemente videosorvegliati. Il pretrituratore sminuzza in modo grossolano il materiale scaricato, una turbina sottostante lo fa vorticare e nella terza fase viene triturato finemente. Il distruggidocumenti con i nastri trasportatori e il compattatore annesso lavorano in modo del tutto automatico.

Il certificato di distruzione Reisswolf

Il documento certifica, alla fine, che i documenti cartacei affidatici sono stati distrutti, rispettando le norme di legge sulla tutela dei dati personali, subito dopo il loro arrivo, senza stoccaggio intermedio e senza possibilità di recupero dei dati.

Riciclo

Il materiale distrutto, sminuzzato e conforme alla protezione dei dati personali, viene compattato in grosse balle e, in quanto materia prima, rientra nel processo di riciclo della carta. Lo stoccaggio e la commercializzazione di tale materiale compattato in balle è affidato agli impianti di riciclo del Gruppo Paprec, situati a breve distanza.